E SE PROVASSIMO CON I VESTITI NATURALI?

E’ innegabile che, negli ultimi anni la consapevolezza ecologica ha preso sempre più piede anche nell’ambito della moda e nell’industria del tessile. E’ indiscutibile che l’industria dell’abbigliamento ha un ruolo decisivo a livello ambientale.

Per questo si sta sempre più lavorando sul perfezionamento di processi produttivi in grado di ridurre il consumo di acqua ed energia, alla riduzione di impiego di sostanza tossiche, e allo smaltimento dei rifiuti.

Per questo motivo è sempre più indispensabile sensibilizzare le persone sull’importanza dei tessuti naturali e biologici e sulle colorazioni ecologiche.

Oramai sia le grandi firme che le grandi distribuzioni low cost hanno preso a cuore il problema. Molte hanno deciso di produrre le loro creazioni in fibre naturali come cotone, canapa, bamboo e lana derivati da coltivazioni biologiche. Senza l’utilizzo di pesticidi e sostanze di origine chimica che potrebbero essere dannosi alla nostra salute.

Perchè vestire biologico?

Immagine via Pinterest

Primo per salvaguardare la nostra salute. Le sostanze tossiche vengono assorbite dalla nostra pelle e a lungo andare possono causare reazioni allergiche come dermatiti da contatto e altre tipologie anche più serie. Secondo, si contribuisce a rendere il pianeta meno inquinato. Non male vero?

Immagine via Pinterest

Molto spesso, e io non mi tiro indietro, preferiamo acquistare capi in fibre sintetiche perchè sono più economici dimenticando che oltre all’apparenza ciò che conta è la qualità. Questo succede perchè spesso ignoriamo i benefici che le fibre naturali procurano al nostro benessere fisico. Fortunatamente, una sempre maggiore informazione sta piano piano aumentando la consapevolezza e l’attenzione su cosa indossiamo, preferendo di gran lunga la qualità alla quantità.

L’estate è la stagione in cui il nostro organismo tra caldo, afa e sbalzi di temperatura tra giorno a sera ne risente di più. Vestire con tessuti ecologici aiuta a sopportare meglio tali fastidi.

Ma quali sono i tessuti naturali più conosciuti?

IL COTONE, il tessuto più conosciuto e diffuso. I tessuti in cotone biologico sono morbidi, soffici ed estremamente traspiranti. Sono in grado di assorbire l’umidità donando la sensazione di pelle sempre asciutta. Sono molti delicati sulla pelle e molto resistenti. Un buon cotone durerà a lungo.

Immagine via Pinterest

LA CANAPA, meno conosciuta del cotone, è una fibra molto pregiata e resistente al calore. Il suo elevato potere anti umidità la rende perfetta per l’estate in quanto fresca e traspirante. Come il cotone ha una durata ineguagliabile ed è particolarmente indicata per chi soffre di reazioni allergiche. Con il filo di canapa possiamo anche realizzare bracciali allegri e colorati per l’estate. Ma la cosa più importante….udite udite…..gli indumenti in canapa non serve stirarli…..e vaiiiiiiiiiiiii w la canapaaaaaaaa!!!!

IL BAMBOO come la canapa è una coltura ecosostenibile che cresce senza problemi quindi non ha bisogno di fitofarmaci. E’ lucido e morbido al tatto ed inoltre protegge dai raggi UV schermando fino al 98% dei raggi solari. E’ molto utilizzato per creare capi sportivi e biancheria intima. Nel tessile viene impiegato per creare una sorta di viscosa, quella biologica si chiama TENCEL.

Immagine via Pinterst

LA IUTA la pianta in cui si ricava la fibra è molto resistente, ruvida. Viene impiegata in combinazione con altre fibre e materiali. Essendo molto resistente viene utilizzata principalmente per fare sacchi, borse, cinture e cappelli.

Immagine via Pinterest
Immagine via Pinterest

LA LANA (perchè c’è lana e lana) e’ una delle fibre più efficaci per combattere il freddo in quanto ha un’elevata capacità di trattenere il calore. Quella biologica proviene da allevamenti dove gli animali vengono allevati senza l’impiego di sostanze nocive e soprattutto non subiscono maltrattamenti e torture. Vivono libere e in tranquillità rispettando la loro naturale condizione di vita.

Immagine via Pinterest

IL LINO è la fibra tessile più antica al mondo. E’ ideale per tutte le stagioni in quanto è traspirante d’estate e isolante in inverno. E’ confortevole, ecologico, anallergico, antistatico e dura a lungo. Non è abbastanza?

Immagine via Pinterest

C’è da dire che negli anni passati vestire “biologico” non era molto stimolante. Chi sceglieva tessuti naturali ed ecologici molto spesso era costretta a vestire capi larghi ed informi e si trovava spesso insaccata in vestiti poco femminili. Fortunatamente ora non è più così. Vestire biologico è diventato un vero trend, la lavorazione dei tessuti è migliorata e si trova davvero di tutto. Dalla t-shirt  spiritosa ma molto realistica, alla gonna tubino in ecopelle, al vestito lungo elegante, ai jeans skinny. 

Immagine via Pinterest
Immagine via Pinterest
Immagine via Pinterest
Immagine via Pinterest

E per la casa, cuscini e biancheria in fantasie accattivanti ed originali. La rete internet offre numerosi spunti sull’argomento offrendo siti di aziende che vendono on line abbigliamento e non solo.

Immagine via Pinterest
Immagine via Pinterest
Immagine via Pinterest

La moda è un continuo rincorrere, evolversi e riciclare…… ma una sempre più crescente sensibilità verso tematiche ambientali ha portato i consumatori ad avvicinarsi sempre più ad uno stile di vita sano e sostenibile. 

Siamo tutti molti attenti alle tendenze della moda, io per prima, dimenticando spesso che acquistare ed indossare vestiti ecologici è il modo migliore per vivere in maniera consapevole e rispettosa verso se stessi e l’ambiente.

Perchè non fare uno sforzo in più e salvaguardare la nostra salute scegliendo un capo che oltre ad essere bello è anche sicuro per l’ambiente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.